Scuola: 5° Edizione 2012

Piccoli campioni in festa
Si è chiuso il progetto educativo del Baricetta. I complimenti delle autorità
Mister Parlato: “Grazie per questa opportunità”
Carmine_Parlato2.JPG BARICETTA (Adria) – Venerdì sera si è abbassato il sipario sulla quinta edizione della manifestazione di “A scuola… ma di calcio” organizzata dall’Asd Baricetta con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Adria e la collaborazione della Fidas Pados, Elektra Impianti, Cartolibreria Fantasy, Termoidraulica Tre Emme e Bancadria. Per il terzo anno consecutivo gli organizzatori biancoazzurri hanno deciso di avvalersi della professionalità di Carmine Parlato, colui che nella stagione terminata circa un mese fa’ ha compiuto un miracolo nella panchina della Sacilese portandola dagli inferi dei play-out fino a disputare una gara di play-off contro il Delta Porto Tolle. Un passato di tutto rispetto per l’ex mister del Rovigo calcio che è sceso in campo da calciatore professionista anche con squadre prestigiose come il Padova, l’Avellino, il Mantova e la Viterbese. In queste due settimane Parlato ce l’ha messa tutta per far crescere le 129 promesse del mondo del calcio grazie all’aiuto dei vari allenatori che sono stati suddivisi in 6 rettangoli di gioco preparati in modo eccellente dai volontari. Sono stati schierati per età dal 2007 al 1997 tutti i calciatori che son stati seguiti da Andrea Rezzaghi, Federico Clemente, Simone Rossi, Silvano Tumiatti, Salvatore Righi, Fabio Gnan, Orlando Zaia, Michele Rossi, Marco Cavicchio, Maurizio Pozzati, Salvatore Righi, Marco Crepaldi, Adriano Giollo, Michele Cappato, Jacopo Frigato, Mario Ferro, Simone Formaggio e Pierluigi Bego. Esercizi differenziati per gli estremi difensori che in un campo separato, per una parte della seduta, sono stati allenati da Vincenzo de Chiara, Pietro Brondin e Nico Roana.Dieci serate per apprendere, migliorare, perfezionare i fondamentali del calcio con palleggi, passaggi a due, staffette, esercizi correttivi, giochi di testa, cross, lanci che culminavano con il metter alla prova quanto appreso nella partitella finale. P7130017.JPG Test fisici e atletici che hanno fatto crescere, ma soprattutto divertire tutti i partecipanti che nel corso della manifestazione hanno disputato le “olimpiadi”, i “mondiali” e gli “europei”. Al termine della serata, il presidente Mauro Ferrari ha ringraziato tutti coloro che continuano a credere in questa scuola calcio, sottolineando che fino a quando la società del Baricetta sentirà e vedrà entusiasmo darà un seguito a questa manifestazione. Ha ceduto il microfono a Carmine Parlato che ha esordito dicendo: “Siamo di nuovo qua, grazie alla società per avermi dato quest’altra possibilità. Da parte mia in queste settimane ci ho messo la semplicità, ho un debole per i più piccoli e mi son intrattenuto di più con loro perchè si stanno addentrando nel mondo del calcio. Con gli altri abbiamo provato ad insegnargli qualcosa”. Ha continuato lo stesso Parlato rivolgendosi ai genitori: “Non fate troppa pressione sui vostri figli per quello che fanno, c’è chi ha tempi più lunghi e chi più ristretti. Ricordatevi quando eravate voi bambini, ascoltate i loro istruttori e una volta che vi siete confermati sul luogo che vi sembra più giusto per la loro crescita, lasciateli in pace. Fateli crescere a modo loro. Se poi son bravi vengono a prenderseli a casa, ve lo assicuro”. La parola è passata poi a Tiziana Virgili, presidente della provincia: “Mi fa piacere che questa manifestazione ogni anno riesca meglio e lo si vede dalla gioia dei bambini e dei ragazzi. Un grazie a Carmine, agli allenatori, agli animatori e un saluto ai genitori”. Non ha fatto mancare la sua presenza l’amministrazione comunale di Adria che è intervenuta con il sindaco Massimo Barbujani: “Siete un bellissimo colpo rosso su un prato verde. Fate rivivere la passione per il calcio a tanti come me, credeteci, i risultati arriveranno”. Di poche Presidente_Provincia_Virgili.JPG parole l’assessore allo sport, Federico Simoni, che ha voluto lasciare posto alla festa: “Mi unisco a quanto hanno detto gli altri, i ragazzi sono i veri protagonisti di questa manifestazione”.  Prima di chiudere con il discorso di Mauro Manfron, responsabile del settore giovanile, che ha ringraziato uno ad uno tutti gli aiutanti di Carmine Parlato consegnando loro un omaggio, è intervenuto Giorgio Zanellato, consigliere comunale ed ex presidente del Baricetta. Zanellato  ha concluso così: “Sembravamo pazzi quando 5 anni abbiamo deciso di iniziare questa scuola calcio, i risultati li abbiamo visti. Continuate ad educare i ragazzi che è più importante di farli giocare bene. State portando avanti in modo encomiabile il lavoro, grazie presidente”. I giocatori non avrebbero mai voluto mettere la parola fine alla scuola calcio, ma i coriandoli colorati iniziano a scendere dal cielo di Baricetta, la manifestazione è finita e comincia la festa finale. Un rinfresco prima di andar in vacanza e spegnere ogni riflettore sul comunale di Baricetta, in attesa della nuova stagione calcistica. Per chi volesse già prender nota, l’appuntamento è fissato: tra poco meno di un anno si ricomincia.
Fonte: La Voce Nuova di Rovigo Domenica 15 Luglio 2012
Baricetta, un vivaio in fermento
Continua con successo il progetto diretto da mister Parlato con circa 120 bimbi
E sabato si va in gita ad Auronzo per rubare i segreti della Lazio
BARICETTA (Adria) – Continua a navigare a gonfie vele la squadra capitanata per il terzo anno consecutivo da Carmine Parlato nella quinta edizione di “A scuola ma…di calcio”. L’allenatore della Sacilese continua a riscuotere successo a Baricetta e attira a lui sempre più calciatori in erba, tanto che al termine della P7090109.JPG prima settimana, si contano più di 120 ragazzi. Parlato e i suoi 20 collaboratori hanno iniziato a mettere alla prova tutti i partecipanti, divisi per età, con esercizi sempre nuovi. Un modo per perfezionare i fondamentali del calcio di ognuno, senza mai porre in secondo piano il divertimento che deve rimanere il primo e vero motivo per cui ogni giocatore si è iscritto. Il primo test che hanno sostenuto gli atleti in tinta granata sono state le “olimpiadi”. I sei campi sono diventati i banchi di prova per i più di 100 entusiasmati calciatori: tiro al bersaglio, rigori, shoot-out, gara di palleggi, percorso tecnico e quello fisico. La manifestazione, organizzata dalla società biancoazzurra con il patrocinio dell’amministrazione comunale e la collaborazione della Fidas Pados, culminerà venerdì prossimo con la serata finale. Dopo l’esibizione dei ragazzi e i saluti delle autorità, si terrà una piccola festa con rinfresco organizzato dai genitori per trascorrere alcune ore in compagnia con i protagonisti diP7130455.JPG questa avventura con l’obiettivo di protrarre ancora un po’ quel clima gioioso che si è venuto a creare in questi giorni. Per sabato, come ogni anno, è stata organizzata la gita: una giornata in montagna per seguire i campioni del pallone. Alle 6.30 è prevista la partenza dalla piazza di Baricetta con destinazione Auronzo di Cadore per assistere all’allenamento della Lazio. Alle 12 pranzo al sacco e passeggiata in montagna. I posti sono limitati e saranno assegnati in base all’ordine delle prenotazioni ricevute. La gita è aperta a tutti.
Fonte: La Voce Nuova di Rovigo Mercoledì 11 Luglio 2012

A Baricetta crescono baby campioni

E’ partita la quinta edizione della manifestazione “A scuola… ma di calcio”

Ben 116 ragazzi sotto la guida di Carmine Parlato: “Siamo qui per divertirci”

BARICETTA (Adria) – Scorrono gli anni, crescono i ragazzi, però la manifestazione “A scuola…ma di calcio” organizzata dall’Asd Baricetta con il patrocinio dell’Amministrazione P7090165.JPG comunale di Adria e la collaborazione della Fidas Pados, non passa di moda. Il caldo ‘Caronte’ non ha fermato lunedì i 116 calciatori iscritti alla quinta avventura. Alle 18 i giocatori in erba si son presentati puntualissimi agli impianti sportivi di Baricetta tirati a lucido per l’occasione. Ad aspettarli per la terza edizione consecutiva c’era Carmine Parlato, l’attuale allenatore della Sacilese ed ex mister del Rovigo calcio, oltre a un passato da calciatore professionista con le maglie blasonate di Padova,  Avellino, Mantova e Viterbese.
Un campo sportivo diviso in 6 rettangoli di gioco dove per età sono stati raggruppati i ragazzi: al campo 1, 20 baby dal 2004 al 2007 seguiti da Andrea Rezzaghi, Federico Clemente e Luca Callegari, al numero 2, 17 bimbi dal 2002 al 2004 con Silvano Tumiatti e Fabio Gnan, al campo 3, altri 17 ragazzi dal 2001 al 2003 con Orlando Zaia, Michele Rossi, Jacopo Frigato, Marco Cavicchio e Antonio Ferrarese. Nel rettangolo verde 4, 17 classe 2001 agli ordini di Maurizio Pozzati, Salvatore Righi e Marco Crepaldi, mentre nel numero 5, altri 19 dell’annata 2001 con Adriano Giollo e Michele Cappato. I più grandi, 1997,98 e 99, ben 21 ragazzi con Mario Ferro, Simone Formaggio e Pierluigi Bego. Scuola calcio, con esercizi differenti per i 5 portieri che vengono allenati per una parte della seduta da Vincenzo De Chiara, Pietro Brondin e Nico Roana.
Mister Carmine Parlato si è presentato a tutti i partecipanti dicendo: “Sono contento di esser per il terzo anno consecutivo a Baricetta, mi fa piacere siate sempre numerosissimi. Mi P7040149.JPG raccomando, non dimenticate che siamo qui per divertirci, ascoltate sempre i vostri allenatori e fate i bravi. Alla fine premieremo quelli che sono stati più obbedienti”.
Dieci sedute dal lunedì al venerdì dalle 18 alle 19.45 all’insegna del divertimento, del confronto con realtà diverse, cercando di migliorare le proprie attitudini calcistiche, i fondamentali del calcio, sotto l’occhio attento di Carmine Parlato sempre pronto a scherzare con i calciatori e a dispensare utili consigli. Più che soddisfatto il responsabile del settore giovanile Mauro Manfron a fine serata: “Siamo alla quinta edizione, ma per me e tutto lo staff è sempre un’emozione questa scuola calcio. È bello mettersi in gioco per fare questa manifestazione e vedere ogni anno che il numero degli iscritti aumenta: è la soddisfazione più grande perché vuol dire che i giocatori e i loro genitori continuano a credere in noi”. Continua lo stesso Manfron dicendo: “Come primo giorno siamo super soddisfatti, vedo entusiasmo, voglia di fare, di imparare, ma soprattutto di divertirsi giocando a calcio. Un doveroso ringraziamento sin da ora ad Andrea Rezzaghi, al Ristorante Victory, alla Termoidraulica Tre Emme e alla cartolibreria Fantasy, per tutte le forze che ha impiegato per la buona riuscita dell’evento”.
Il primo giorno è già terminato, ma la mente è già alle sfide del giorno dopo: nuovi esercizi e nuove sfide attenderanno questa miriade di calciatori in completo granata, divisa ufficiale di questa edizione di “A scuola… ma di calcio”.

Fonte: La Voce Nuova di Rovigo Mercoledì 6 Luglio 2012

Le foto

Response code is 404

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*